Il primo romanzo per ragazzi di Dave Eggers

di Davide Rocco Capalbo

Dave Eggers, uno dei grandi nomi della letteratura americana contemporanea, sembra attraversare un momento idilliaco nella letteratura per ragazzi. Ha iniziato la sua carriera negli anni ’90 e ha pubblicato la sua prima opera, indimenticabile, nel 2000: L’opera struggente di un formidabile genio, un libro di memorie sotto forma di romanzo, che oggi chiameremmo autofiction. Con la rivista Mc Sweeney’s, in seguito diventata anche casa editrice, ha dato voce ai migliori autori degli ultimi vent’anni.

Già in L’opera struggente di un formidabile genio il tema dell’infanzia, o quanto meno dell’infanzia sua e dei suoi fratelli, cresciuti senza genitori, era presente e molto forte, così come lo era nel suo primo romanzo totalmente fiction, Conoscerete la nostra velocità, i cui due protagonisti, Will e Hand, sono amici d’infanzia. Erano solo ragazzi in cammino. Autobiografia di Valentino Achak Deng (What is the What, in inglese), scritto sul confine tra fiction e non-fiction come la sua prima opera, racconta ancora la storia di un’infanzia, quella di Valentino Achak Deng, appunto, che è arrivato negli Stati Uniti da bambino come rifugiato durante la seconda Guerra civile sudanese, lunghissimo conflitto che ha devastato il Sudan tra il 1983 e il 2005.

Ma è stato forse nel 2008 che Dave Eggers è passato dal raccontare l’infanzia sotto vari aspetti a interessarsi con maggiore attenzione alla letteratura per ragazzi. Dieci anni fa, infatti, ha collaborato con Spike Jonze alla stesura della sceneggiatura per l’adattamento cinematografico del capolavoro di Maurice Sendak, Nel paese dei mostri selvaggi. A quell’esperienza è seguito anche un adattamento dell’albo illustrato a romanzo – The Wild Things –, espressamente richiesto allo scrittore dallo stesso Sendak.

Negli ultimi anni, infine, Dave Eggers si è cimentato con l’albo illustrato: ha pubblicato due opere di non-fiction per bambini, su due dei più riconoscibili monumenti degli Stati Uniti: il Golden Gate Bridge di San Francisco (This Bridge Will Not Be Gray, 2015) e la Statua della Libertà (Her right foot, 2017). Le illustrazioni del primo albo sono di Tucker Nichols, mentre il secondo è stato illustrato da Shawn Harris, che, visto il successo di Her right foot, è stato confermato come illustratore anche per il terzo albo illustrato di Dave Eggers, in uscita a settembre. Si chiamerà What can citizen do?, e racconterà ai più piccoli cosa vuol dire essere parte di una comunità.

Intanto è uscito da poco il primo romanzo per ragazzi di Dave Eggers. Si chiama The Lifters ed è un romanzo dalle tinte dark: racconta l’avventura di Gran – appena arrivato con la sua famiglia nella cittadina di Carousel – e della sua nuova amica Catalina Catalan nel sottosuolo della città. Forze oscure e misteriose lentamente fanno sprofondare Carousel: saranno i due ragazzi, armati di coraggio e mazze da hockey, a risollevarla.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart