Ricette dal mondo per bambini in via dei Giardini 10

di Dora Vedova

Au 10, rue des Jardins – Recettes du monde à partager (letteralmente: Via dei Giardini, 10 – Ricette dal mondo da condividere) è un albo illustrato uscito il 2 maggio in Francia per le Edizioni Cambourakis. La piccola casa editrice, nata nel 2006, porta il nome del suo fondatore, un vecchio libraio appassionato di fumetti, e si occupa soprattutto di fumetti indipendenti. Nel tempo il catalogo si è ampliato con una collezione sui generis di scienze umane femministe, letteratura straniera e albi per l’infanzia, prestando sempre particolare attenzione all’aspetto grafico e alle illustrazioni. Come nel caso di questo albo.

Di albi illustrati su cibo e ricette ce ne sono parecchi di questi tempi, ma questo spicca per un insieme di particolarità: le ricette sono brevi ed esotiche, le illustrazioni sono davvero belle e c’è un finale a sorpresa socialmente utile ma senza retorica.

L’autrice e illustratrice Felicita Sala è tra le più gettonate del mondo anglofono. Nata in Italia, ha trascorso la gioventù in Australia, dove ha studiato Filosofia, ed è poi passata al mondo dell’arte dell’illustrazione da autodidatta. Ha poi viaggiato molto in Europa per tornare a stabilirsi in Italia, a Roma. Questo “circuito bio-geo-grafico” si ritrova nei suoi albi.

A suo dire il lavoro artistico contiene intrinsecamente quello che è il percorso della vita di un artista. Le sue storie illustrate sono il frutto di tanti anni di studio, applicazione e riflessione. Il risultato è un lavoro maturo, ricco di suggestioni e di tracce di storia vissuta, come la spinta a ricercare la propria identità, scaturita dal fatto di essere cresciuta in seno a due culture diverse.

Ecco quindi che in quest’albo si ritrovano e spiegano tante cose: un fondo di malinconia e una patina di antico è sempre presente e si riconduce ai ricordi un po’ nostalgici dell’infanzia; predomina il colore azzurro, malinconico sì, ma non troppo, mescolato ai toni pastellati e caldi di giallo e rosso. Insieme alle ricette, la storia che fa da trama tocca i temi della diversità e della convivenza.

Nella palazzina al numero 10 di via dei Giardini abitano famiglie di origini tutte diverse, così come i piatti che ognuno prepara per la cena giù in giardino prevista per la serata di festa. Guacamole, oyakodon, polpette di tacchino, torta di banana e mirtilli: dalle finestre delle cucine si levano invitanti volute odorose, profumi esotici deliziosi. All’interno delle case colorate e accoglienti le famiglie sono all’opera e cucinano tutti: mamme, papà, nonni, bambini; questi ultimi, un po’ danno una mano, un po’ sgraffignano gli ingredienti più appetitosi.

Tradizioni culinarie di piatti preparati con sapienza e semplicità alimentano un microcosmo benaugurante di convivenza e convivialità. Un lavoro che l’autrice non esita a definire come «il più laborioso e divertente che abbia mai realizzato».

L’albo che alla Fiera del libro per ragazzi di Bologna in aprile era ancora sotto forma di menabò, uscirà a breve anche in Inghilterra e in Australia. Chissà se qualche editore ha seguito il profumino e ha deciso di farlo sentire anche in Italia!

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart