Arrivano le storie della buona notte per bambini gentili

di Davide Rocco Capalbo

La moda, o il genere letterario, che Elena Favilli e Francesca Cavallo hanno lanciato con il loro fortunatissimo Good Night Stories for Rebel Girls ha appena aperto una strada che quasi nessuno si immaginava: mentre la lunga serie di libri ispirati alle biografie di donne esemplari è una fiumana che non accenna a sgonfiarsi, sono arrivati anche i primi libri per bambini diversi.

Il primo titolo è Stories for Boys who Dare to be Different (letteralmente: Storie per bambini che osano essere diversi). Come recita il sottotitolo, è una raccolta di “Storie vere di bambini straordinari che hanno cambiato il mondo senza uccidere draghi”. Come Good Night Stories for Rebel Girls, anche questa è una raccolta di cento biografie: uomini famosi, da Bill Gates a Salvador Dalì a Barack Obama, che si sono distinti per valori che non hanno niente a che fare con la baldanza dei cavalieri e dei principi azzurri.

Le biografie raccolte in Stories for Boys who Dare to be Different, però, a differenza delle bambine ribelli, non parlano – o non solo – dei meriti di questi uomini “diversi” in campo professionale: piuttosto la raccolta si sofferma sulla gentilezza, sull’altruismo e sul modo di affrontare la vita di queste persone, che è sempre molto lontana dallo stereotipo del macho, del guerriero, dell’uomo che non deve chiedere mai; e propone un modello maschile più equilibrato e più rispettoso, che raggiunge i propri obiettivi professionali con risorse e coraggio che non hanno niente a che vedere con il privilegio di essere nati maschi. Sono storie di uomini che invece di uccidere i draghi proverebbero a far loro una carezza e allungargli una ciotola di peperoncini piccanti.

Il libro, scritto da Ben Brooks, autore giovanissimo, classe 1992, e illustrato da Quinton Winter, è uscito il 3 aprile per la londinese Quercus Publishing.

A settembre, invece, uscirà per Wren & Rook The Good Guys: 50 Heroes Who Changed the World with Kindness, di Rob Kemp e Paul Blow. Il libro ha un titolo molto eloquente: è una raccolta di biografie di “bravi ragazzi”, che l’autore chiama come eroi, per andare incontro alla necessità di dare ai ragazzi modelli maschili diversi da quelli attualmente dominanti – sempre più sentita nel mondo, soprattutto dopo un anno di presidenza Trump e dopo lo scandalo Weinstein, per citare due esempi di pochezza maschile. Il libro raccoglie le biografie di artisti, atleti, politici. Per fare qualche nome: Nelson Mandela, George Michael, Usain Bolt. The Good Guys ha già raccolto 100.000 preordini in tutto il mondo, fanno sapere da Wren & Rook.

Come per le bambine ribelli, anche per i bambini diversi il dibattito è aperto: che sia una moda che gli editori stanno cercando di spremere fino all’ultima goccia, o il nuovo filone di un genere letterario appena nato e ancora da esplorare, è un dibattito che non si esaurirà tanto presto. L’unica certezza è che di libri così ne vedremo ancora moltissimi.

Tagged under

1 Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart