Silvina Ocampo, sentinella della notte

di Dora Vedova

Sentinelles de la nuit è il bel titolo evocativo che raggruppa quattro inediti di Silvina Ocampo, tra frammenti, note, appunti di scrittura. Fresco di traduzione per le Éditions des femmes-Antoinette Fouque, è un libricino di 136 pagine interessanti, curiose, misteriose. La prefazione è di Ernesto Montequin, editore argentino e studioso della Ocampo.

Silvina Ocampo (1903-1993) è stata una scrittrice e poeta argentina che col tempo si è guadagnata un posto importante nella letteratura. Nata in una famiglia di artisti dell’alta borghesia, ha goduto di una formazione europea di ampio respiro. Insieme alle sue sei sorelle, aveva a disposizione insegnanti francesi, inglesi e italiani oltre che argentini. Da ragazza si sposta a Parigi per studiare l’arte che all’epoca era territorio esplorativo dei surrealisti, la cui influenza rimarrà impressa nella sua scrittura successiva.

La vita di Silvina Ocampo è costellata di importanti amicizie. Frequenta nel suo periodo artistico Giorgio de Chirico e Fernand Léger, suoi maestri di disegno e pittura. Di ritorno in Argentina, decide di seguire l’inclinazione alla scrittura e grazie all’attività della sorella maggiore Victoria Ocampo – fondatrice di Sur, rivista letteraria cosmopolita e poi casa editrice di avanguardia – avrà modo di pubblicarvi le sue opere e di frequentare scrittori del calibro di Jorge Luis Borges e Adolfo Bioy Casares; quest’ultimo diventerà poi suo marito.

Senz’altro influenzata dagli amici scrittori, Ocampo ha tuttavia sempre mantenuto una sua identità distinta per la diversa sensibilità femminile e intrinsecamente femminista (un femminismo di fatto più che declamato). Nei suoi racconti e poesie campeggia sempre il fantastico, su cui ha redatto un’antologia col marito, e per il cui tramite si è legata di amicizia col nostro Italo Calvino, che ha molto spinto per pubblicarla in Italia con Einaudi.

In Sentinelles de la nuit emerge imponente il rapporto con la notte e il sogno. Il titolo della raccolta è preso dal corpo principale che raccoglie gli scritti più intimi e cari alla scrittrice. Si può leggere come una sorta di diario notturno su cui ha annotato il frutto delle insonnie, «La veglia è la sfinge del sogno» recita una nota. Le influenze surrealiste e freudiane sono evidenti: distorsioni, allucinazioni, irrealtà, metamorfosi, sdoppiamenti, riflessi, giochi di specchi, labirinti, mostruosità, l’inversione perversa infanzia-adulti. Un universo onirico di difficile interpretazione. Pare che Ocampo non amasse rilasciare interviste sul suo lavoro letterario e non hai mai voluto dare spiegazioni o indicazioni per l’interpretazione della sua opera, che rimane dunque aperta alle libere associazioni del lettore.

La sua scrittura è ironica, caustica e umoristica; affonda le radici in una grande immaginazione, ma è spesso attraversata dall’angoscia e dall’ossessione della morte. Ne è testimone l’inquietante citazione scelta da Montequin dalla poesia inedita in Francia (e Italia) Le hablo al sueño (Parlo al sonno):

¿Por qué no dormiré?
Porque en la oscuridad
hay ubicuos ejércitos
que llegan de mi infancia

[Perché non potrei dormire?
Perché nell’oscurità
ci sono ovunque eserciti
venuti dal fondo della mia infanzia.]

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart