Rappresentare le diversità nei libri per ragazzi: l’iniziativa dell’Inghilterra

di Davide Rocco Capalbo

In Inghilterra è in partenza da quest’anno un nuovo programma che ha l’obiettivo di monitorare la rappresentazione delle diverse etnie nei libri per ragazzi. È un tema di cui si parla da anni, non solo in Inghilterra: più o meno in tutto il mondo occidentale i personaggi dei libri per ragazzi sono bianchi, così come i loro autori.

Per normalizzare la situazione – per fare in modo, cioè, che la rappresentazione delle minoranze etniche nei libri per ragazzi corrisponda un po’ di più alla diversità dei giovani lettori – ciò che mancava erano dei dati. L’Arts Council England, in collaborazione con il Centre for Literacy in Primary Education, porterà avanti dunque due studi volti a monitorare la presenza di minoranze nei libri e tra gli autori.

Ci si aspetta un rapporto simile a quello che da decenni negli Stati Uniti viene fatto dalla University of Wisconsin-Madison: rilevare la presenza, ancora molto sproporzionata, di personaggi e autori di colore nella letteratura per ragazzi. Stando all’ultimo rapporto della University of Wisconsin-Madison, su 3400 libri per ragazzi pubblicati nel 2016, solo 287 parlavano di africani o afroamericani, 169 erano i libri sui latinos e solo 55 quelli sui nativi americani.

La rappresentazione delle minoranze etniche non è solo una questione numerica: non basta, cioè, creare personaggi “etnici”. È un problema che presenta una varietà di sfumature che riguardano anche la qualità della rappresentazione. L’assenza, o la carenza, di minoranze etniche nei libri per ragazzi, o una loro rappresentazione distante dalla realtà, può avere effetti molto concreti sul modo in cui i ragazzi vedono se stessi e il mondo che li circonda, e la relativa scarsità di autori non-bianchi, o ad esempio la loro sistematica esclusione da premi importanti che ha fatto discutere molto l’anno scorso gli inglesi (e a quanto pare protestare è servito a qualcosa), può avere un impatto sulle aspirazioni artistiche dei più giovani: se adeguatamente rappresentati, potrebbero essere molto più motivati a diventare un giorno anche loro autori o illustratori, rispetto a quanto accade in un mondo in cui chi fa libri e vince premi letterari è prevalentemente bianco.

Per questo ACE e CLPE sono coscienti che i rapporti prodotti saranno un’utile fotografia della realtà, ma sanno anche che a partire dai dati raccolti bisognerà poi dialogare con autori ed editori.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart