Una volpe alla ricerca del fiore dorato

di Davide Rocco Capalbo

Benjamin Flouw è un giovane illustratore che vive a Parigi. Originario del sud della Francia, ha studiato animazione e ha lavorato per produzioni cinematografiche e televisive tra Londra e Parigi. Da qualche anno ha deciso di fare l’illustratore freelance a tempo pieno. Collabora con riviste importanti e con agenzie pubblicitarie.

Si è fatto notare con il suo primo libro, un albo illustrato intitolato La milléclat dorée, uscito nel 2017 in Canada per La Pastèque, e ora tradotto in inglese e tedesco dalla berlinese Gestalten, casa editrice specializzata in libri d’arte, architettura e design che dal 2014 pubblica anche libri per bambini in due lingue. Oltre all’edizione in inglese di Gestalten, il libro a maggio uscirà, sempre in inglese, per la canadese Tundra Books. Effettivamente, La milléclat dorée – di cui possiamo vedere delle anteprime in inglese e tedesco sul sito di Gestalten – è molto bello, e a questo punto sarebbe bello leggerlo anche in italiano. La storia è semplice e ben scritta: oltre a essere un ottimo illustratore, Flouw è anche un buon narratore.

copertina di La milléclat dorée, di Benjamin Flouw (La Pastèque, 2017)

La volpe Renard è un appassionato di botanica, ha la casa piena di piante e piantine e sa tutto di tutte le piante del mondo (o almeno così crede). Una sera, sfogliando i suoi libri di botanica alla ricerca di una bella piantina per il suo salotto, legge della leggendaria milléclat dorée, una specie di stella alpina dai petali dorati: un fiore tanto bello quanto raro, di cui si sa pochissimo, e che nel suo salotto – pensa Renard – ci starebbe proprio bene.

Renard decide quindi di andare a cercare il fiore d’oro. Prima si avventura per boschi e campagne insieme al suo amico lupo, ma non trova niente. Poi si attrezza di zaino e sacco a pelo e cerca il fiore in tutto il mondo. Per tutto il libro seguiamo Renard, esploriamo il mondo insieme a lui e in ogni posto impariamo qualcosa di interessante. Dopo aver girato in lungo e in largo, la volpe intraprende una spedizione artica e riesce infine a scovare la milléclat dorée tra ghiacci e rocce. Da botanico, la prima cosa che fa è studiare il fiore: lo disegna da tutte le angolazioni, prendendo appunti sulle sue peculiari caratteristiche. È al momento di coglierlo, però, che c’è il vero colpo di scena: Renard lascia il fiore dove lo ha trovato, perché, se lo tenesse in un vasetto in salotto, la sua bellezza appassirebbe.

È interessante che in certe tavole, come quella in cui Renard prepara i bagagli, o quella in cui vengono mostrate alcune specie di fiori, le illustrazioni e il testo ricordino molto delle infografiche, con cui si può insegnare ai ragazzi qualche termine un po’ più tecnico, nomi di oggetti che magari non si usano quotidianamente, e anche un bel po’ di nomi di piante: in fin dei conti, per rispettare la natura bisogna anche iniziare a conoscerla da piccoli.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart