Sette libri illustrati di Andy Warhol che quasi nessuno conosceva

di Davide Rocco Capalbo

Quando Andy Warhol ancora non era l’artista delle zuppe Campbell’s e delle serigrafie di Marilyn Monroe, faceva il grafico pubblicitario a New York. Erano gli anni ’50 e il giovane artista aveva inventato un modo tutto suo per ingraziarsi i clienti: dal 1952 al 1959 confezionò una serie di libri d’artista, tutti scritti e illustrati a mano, come omaggio riservato agli amici e ai clienti migliori. Ne fece sette: uno all’anno, per sette anni. Quei libri poi sono passati di mano in mano, venduti per migliaia di dollari, e oggi sono praticamente introvabili. Su sette libri, cinque non sono mai stati ristampati.

Taschen, sessant’anni dopo, ha recuperato le poche copie ancora in circolazione di quei libri e li ha riprodotti fedelmente, con attenzione anche a rispettare il formato, le dimensioni e la scelta della carta degli originali.

Già in questi primi libri Warhol si dimostra capace di giocare con i generi letterari e di sperimentare con materiali e scelte grafiche. Ciascuno dei sette libri si sviluppa attorno a un tema tanto semplice quanto eccentrico.

A is an Alphabet, ad esempio, è un abecedario illustrato in cui a ciascuna lettera corrisponde una breve composizione in versi in cui si parla di incontri tra l’uomo e gli animali. E, sempre parlando di animali, 25 Cats Name Sam and One Blue Pussy è particolare perché ha un refuso nel titolo e perché nel libro ci sono solo 16 gatti. Ma sono 16 gatti molto colorati.

Love is a Pink Cake è una raccolta di ritratti e poesie irriverenti ispirati alle storie d’amore di famosi personaggi storici, da Napoleone e Giuseppina ad Antonio e Cleopatra. À la recherche du shoe perdu fa il verso alla Recherche di Marcel Proust, ma è un catalogo di scarpe da donna. In the Bottom of My Garden è un libro pieno di putti alati colorati a mano con un rosa molto forte.

A Gold Book è un libro dalle pagine dorate con ritratti di persone realizzati ricalcando delle fotografie. Wild Raspberries, infine, è un libro di ricette improbabili, una presa in giro dei libri di ricette francesi che andavano di moda negli anni ’50. Il titolo è ispirato a Wild Strowberries, il film di Bergman del 1957.

La raccolta della Taschen è arricchita, poi, da un volume critico a cura di Nina Schleif, studiosa d’arte, americanista e curatrice, autrice anche di un’altra monografia sui libri degli anni ’50 di Warhol, e Reuel Golden, editor ed esperto di storia della fotografia e della pop art. Nella guida ai libri c’è una spiegazione delle illustrazioni di Warhol e informazioni utili a contestualizzare queste prime opere dell’artista, un corredo di foto inedite e altri documenti: un compendio che, insieme ai sette piccoli libri che rischiavano di andare perduti, offre al lettore una sorta di ritratto dell’artista da giovane.

Fonte foto: Taschen, I love Warhol, Guy Hepner, brain pickings

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart