Leggere ad alta voce fa bene all’alfabetizzazione

di Davide Rocco Capalbo

In buona parte del mondo, giovedì 1 febbraio sarà un giorno dedicato alla lettura ad alta voce, soprattutto per bambini e ragazzi. Fondata nel 2007 dalla scrittrice ed esperta di didattica Pam Allyn, l’organizzazione nonprofit LitWorld invita ogni anno, tra febbraio e marzo, chiunque lo voglia a partecipare al World Read Aloud Day: la giornata mondiale della lettura ad alta voce, appunto.

L’iniziativa di LitWorld è nata per promuovere l’alfabetizzazione principalmente in contesti in cui la povertà è molto diffusa e le opportunità di leggere e condividere storie sono più scarse. L’impegno di LitWorld a promuovere l’alfabetizzazione nasce dalla convinzione che saper leggere, scrivere e raccontare storie sia un diritto fondamentale dell’uomo, e non un privilegio di pochi: è determinante per raggiungere l’indipendenza economica e la parità di genere, e per molti rappresenta una via d’uscita dalla povertà.

Chi sa leggere e scrivere dispone di un ventaglio più ampio di parole per esprimersi e per interpretare fatti, avvenimenti, notizie. Persone con un buon livello di alfabetizzazione sono cittadini più consapevoli e hanno maggiori possibilità di partecipare alla vita democratica e di vedere riconosciuti i propri diritti.

Da non trascurare, poi, la questione di genere: dei 750 milioni di analfabeti nel mondo, secondo i dati raccolti dall’UNESCO, due terzi sono donne; e guardando solo alla popolazione più giovane, le ragazze che non sanno leggere e scrivere sono tre su cinque. Negli ultimi anni l’analfabetismo è in calo e la popolazione femminile sta recuperando a velocità doppia rispetto a quella maschile, ma siamo ancora lontani dalla parità.

Il WRAD è un’iniziativa di cui in Italia e in Europa non si parla molto, ma nel corso degli anni è arrivato a coinvolgere scuole, biblioteche e associazioni in una trentina di Paesi tra America del Nord e del Sud, Africa e Asia. Saranno tantissimi i bambini e i ragazzi, ma anche gli adulti, che giovedì si ritroveranno per leggere ad alta voce racconti, fiabe e albi illustrati, e ci sarà anche qualcuno che leggerà storie a qualcun altro da una parte all’altra del mondo.

Chi legge, solitamente legge in silenzio: non siamo più abituati a leggere ad alta voce; eppure è una modalità di lettura che bisognerebbe riscoprire. Come suggeriva anche Annamaria Testa su Internazionale qualche tempo fa, leggere ad alta voce è il modo migliore per far avvicinare alla lettura chi non apre neanche un libro all’anno, ed è un metodo didattico che dà risultati sorprendenti: secondo una ricerca del Melbourne Institute of Applied Economic and Social Research, i bambini a cui viene letto qualcosa ad alta voce tutti i giorni imparano a leggere e scrivere un anno prima di quelli a cui non viene letto niente, e questo dato vale a prescindere dal reddito, dall’estrazione sociale e dal background culturale dei genitori.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart