Chi ha vinto il premio Costa ragazzi

di Davide Rocco Capalbo

La scorsa settimana sono stati annunciati i vincitori dei Costa Book Awards, uno dei premi letterari più prestigiosi del Regno Unito. Il premio viene assegnato ai migliori libri pubblicati da autori residenti in Irlanda e in Gran Bretagna, in cinque categorie: primo romanzo, romanzo, biografia, poesia e libri per ragazzi. Tra i cinque vincitori, poi, viene scelto il Libro dell’anno, durante una cerimonia che si terrà a Londra il 30 gennaio.

La vincitrice nella categoria dei libri per ragazzi è Katherine Rundell, con The Explorer, un racconto ambientato nella foresta amazzonica. Precipitati con il loro aereo nel bel mezzo della foresta pluviale, Fred, Con, Lila e Max si ritrovano senza cibo né acqua, e devono riuscire a cavarsela da soli. Guardandosi un po’ intorno, i ragazzi notano che nella giungla ci sono, nascosti qua e là, dei segni che indicano che qualcuno è già stato in quel posto. Quindi una via d’uscita c’è: basta non perdere la speranza e rimboccarsi le maniche.

copertina di The Explorer, di Katherine Rundell (Bloomsbury, 2017)

La giuria dei Costa Book Awards ha premiato The Explorer così:

«A glorious read and a timeless voyage of wonder that will be enjoyed by readers aged 8 to 80».

Quello del naufrago che finisce suo malgrado lontano dalla civiltà è uno dei temi classici del romanzo d’avventura almeno dai tempi di Robinson Crusoe, e lo è soprattutto nei libri per ragazzi, in cui confrontarsi con la natura selvaggia e superare i suoi ostacoli rappresenta, per i protagonisti, un momento di crescita importante.

Katherine Rundell ha trent’anni e ha già vinto diversi premi in tutto il mondo: il Waterstones Children’s Book Prize, il Blue Peter Award, il Boston Globe Horn Book Award, un Premio Andersen da noi in Italia e Le Prix Sorcières in Francia. Il premio Waterstones, vinto quattro anni fa, oltre al prestigio le ha fruttato cinquemila sterline, con cui – ha raccontato al Guardian – si è pagata il viaggio in Brasile da cui è nato The Explorer. Oltre a scrivere libri per ragazzi, infatti, negli ultimi anni Katherine Rundell ha portato avanti la sua carriera accademica e, come tutti i ricercatori, non è esattamente ricca sfondata.

Nel 2017 ha scritto anche una sceneggiatura – Life According to Saki, che ha vinto il premio Carol Tambor Best di Edimburgo – e si è trasferita a New York, dove ha lavorato a un cortometraggio su una tartaruga, Henry, che ha vinto un Emmy. È stata inoltre inclusa negli Aarhus39 (i 39 migliori scrittori per ragazzi in Europa). Nel tempo libero, tra le altre cose, sta imparando a pilotare un aeroplano.

I Costa Book Awards esistono dal 1971, quando si chiamavano Whitbread Literary Awards. Il nome è cambiato nel 2006, quando il Caffè Costa è subentrato come sponsor.

I vincitori delle altre categorie sono:

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart