Le illustrazioni di Norman Rockwell diventano libri per ragazzi

di Davide Rocco Capalbo

Nel vasto mondo dell’editoria, non solo per l’infanzia, gli illustratori in grado di interpretare con i loro disegni grandi storie non mancano di certo, anzi. Tra i tanti grandi illustratori, però, ce n’è stato uno che per quasi cinquant’anni ha illustrato una sola grande storia: quella degli Stati Uniti tra la Prima Guerra Mondiale e il secondo dopoguerra. Il suo nome è Norman Rockwell.

La fama di Norman Rockwell è legata indissolubilmente alla rivista americana The Saturday Evening Post, per cui Rockwell ha realizzato oltre trecento copertine dal 1916 al 1963, contribuendo in maniera significativa all’enorme successo della rivista. Settimana dopo settimana Rockwell ha raccontato la nazione privilegiando la quotidianità della famiglia americana, quella parte di America allora come oggi spesso inascoltata. Con le sue illustrazioni si è fatto interprete di tradizioni e di cambiamenti sociali, raccontando anche eventi di portata storica, come la Grande Depressione o il discorso delle Quattro Libertà di Roosevelt, da un punto di vista molto popolare.

Il suo stile era molto realistico, come andava di moda negli anni a cavallo tra le due guerre, arrivando a somigliare sempre di più alla fotografia negli ultimi anni della sua carriera. Spesso Rockwell per le sue illustrazioni si serviva di modelli, che sottoponeva a lunghi servizi fotografici per catturarne le espressioni migliori.

Tra le copertine più famose ce ne sono due del 1952 che ritraggono rispettivamente una bambina e un bambino in una sequenza di attività quotidiane: sveglia, colazione, scuola, sport, compiti, cena e poi di nuovo a letto. I titoli delle due copertine sono A Day in the Life of a Girl e A Day in the Life of a Boy. I modelli erano i due giovanissimi vicini di casa di Rockwell, oggi settantenni: Mary Whalen Leonard e Chuck Marsh.

copertine del Saturday Evening Post (1952)

A quarant’anni dalla morte di Rockwell, quelle due copertine sono diventate due libri illustrati pubblicati dalla casa editrice indipendente Abbeville, specializzata in libri illustrati e libri d’arte. Pensati per far conoscere l’illustratore anche ai bambini americani di oggi, i due libri sono opera di Will Lach, grande ammiratore di Rockwell. Lach, già direttore del Metropolitan Museum of Art di New York e oggi direttore editoriale della Abbeville, è anche l’autore delle filastrocche che accompagnano le illustrazioni nei due libri.

copertine di A Day in the Life of a Girl e A Day in the Life of a Boy, di Norman Rockwell e Will Lach (Abbeville Press, 2017)

Infine, una curiosità. La risoluzione delle illustrazioni nei due libri è diversa: quelle di A Day in the Life of a Girl sono state prese dalla tavola originale conservata al Norman Rockwell Museum, mentre quelle di A Day in the Life of a Boy vengono dalla copertina del Saturday Evening Post, perché l’originale è andato perduto. A quanto pare la tavola fu venduta a un’asta di beneficienza per 50 centesimi, e ora probabilmente giace abbandonata nella cantina di una di quelle famiglie americane che Rockwell amava tanto rappresentare.

Fonte foto: Abbeville Press

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart