Editoria araba: un po’ di storia

di Dora Vedova

La storia dell’editoria araba – intesa in senso geografico come relativa ai Paesi del Maghreb e della Penisola arabica – è molto recente. Se in Europa, e in particolare a Venezia, si parla delle prime case editrici già dalla fine del XV secolo, nel mondo arabo un secolo più tardi troviamo solo tipografie. Per una realtà editoriale vera e propria si deve aspettare la seconda metà del secolo scorso, con le prime case editrici al Cairo e a Beirut.
La principale causa di uno sviluppo dell’editoria così lento, faticoso e spesso settoriale è il rigido controllo sia statale che religioso.

Altra fondamentale e grave causa di questo rallentamento è quella rappresentata dalle frequenti guerre interne, susseguitesi in tempi e paesi diversi – Iraq, Libano, Yemen, Egitto, Libia, Siria – lasciandosi alle spalle situazioni catastrofiche per le realtà editoriali, che ne escono, se non completamente distrutte, fortemente indebolite.

C’è poi il fattore censura, pratica diffusa in tutto il mondo arabo e in particolare nei paesi del Golfo, Giordania e Siria, che frena l’espansione del mercato, lo restringe e porta a investire altrove.
Fatta eccezione per i testi di natura religiosa, le sovvenzioni statali sono molto scarse, e le case editrici si trovano spesso a dover dipendere da associazioni e fondazioni private, molte delle quali saudite, costrette a investire all’estero.

Tuttavia, negli ultimi anni si assiste all’emergenza di nuovi attori dell’editoria, portatori del cosiddetto panarabismo culturale.

Ed è proprio il settore dedicato all’infanzia a fare da traino. L’editoria per ragazzi, il cui motore è storicamente la causa palestinese, oggi è arricchita e modernizzata: la questione politica continua sì a essere presente negli albi, ma in modo meno pedante: la famiglia e l’attenzione verso i bambini sono cambiate, e si ricercano più spesso temi quali l’individualità e il ruolo delle bambine.
La produzione editoriale contemporanea preferisce interrogare piuttosto che dare risposte preconfezionate.

Un aspetto fondamentale del mondo del libro arabo è che viene pensato nella sua globalità: gli editori pubblicano rivolgendosi a tutti i lettori in lingua araba, pur seguendo ciascun paese la propria specialità – l’Iraq la poesia, il Cairo e Beirut i testi religiosi e i dizionari, ecc. Per questo motivo sono indispensabili le fiere – come ad esempio il Salone Internazionale dell’Edizione e del Libro (SIEL) di Casablanca –, che costituiscono i luoghi di osservazione della produzione dei vari paesi arabi e importanti occasioni per formare progetti di co-edizione. Le fiere sono dei gran bazar del libro nel solco dell’antica tradizione araba dell’arte di mercanteggiare.

Si sta inoltre diffondendo una politica di promozione della cultura araba, di cui Abu Dhabi è un centro importante, attraverso la traduzione – progetti come Kalima permettono agli editori arabi di pubblicare opere letterarie e scientifiche – e i premi letterari, come il prestigioso International Prize for Arabic Fiction che ricompensa ogni anno un romanzo arabo assicurandone il riconoscimento e la diffusione internazionali.

Una nota di merito va all’Italia, molto attenta agli scrittori arabi, promossi grazie all’impegno di tante e importanti case editrici.

_____________________________
Per le fonti di questo articolo si veda l’opera collettiva Regards sur l’édition dans le monde arabe, a cura di Charif Majdalani e Franck Mermier. Edizioni Karthala, 2016.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart