C’è un premio letterario piccolino in Canadà

di Davide Rocco Capalbo

Nello stato dell’Ontario, in Canada, esiste da quasi 15 anni un programma dedito a promuovere la cultura dei nativi americani canadesi attraverso la letteratura. L’Ontario è infatti uno degli Stati che ospita la maggior parte di First Nation, Inuit e Metis (meticci), e ha un circuito di biblioteche pubbliche (Ontario First Nation Public Libraries) in cui è possibile trovare libri scritti da autori appartenenti alle popolazioni First Nation.

La First Nation Public Library Community ha avviato nel 2003 il programma First Nation Community Read, per promuovere l’alfabetizzazione all’interno del nucleo familiare e la condivisione intergenerazionale di storie e informazioni, e per valorizzare autori, illustratori e tutta l’editoria First Nation. Tra le iniziative del First Nation Community Read, c’è il Periodical Marketers of Canada Aboriginal Literature Award: il più importante premio letterario dedicato ai First Nations canadesi (nella gallery i vincitori anno per anno).


Il libro che ha vinto il PMC Aboriginal Literature Award 2017-2018 è Bearskin Diary di Carol Daniels.
Si tratta di un libro che racconta, attraverso la storia di una ragazza di nome Sandy, una vicenda abbastanza infelice del recente passato canadese conosciuta con il nome di “Sixties Scoop”: a partire dagli anni ’60 e fino agli anni ’80, i governi provinciali canadesi toglievano i bambini alle famiglie First Nation (il verbo “scoop up” vuol dire letteralmente “sollevare”, tipo dalla culla) per darli in adozione alle famiglie bianche della middle class canadese. Si stima che almeno ventimila bambini siano stati portati via alle loro famiglie. Sebbene siano finiti a vivere in famiglie più agiate, il distacco dal nucleo d’origine e la perdita del contatto con la propria identità di First Nation ha creato non pochi problemi a quei bambini, a livello psicologico e sociale.

Sandy, la protagonista di Bearskin Diary, è una First Nation finita in una famiglia di origini ucraine, cresciuta in una comunità in cui non ci sono altri nativi. Si sentirà sola e incompresa fino al giorno in cui incontrerà un giovane poliziotto di nome Blue, un Metis. L’autrice, Carol Daniels, è al suo esordio come scrittrice, ma è già un volto noto in Canada: oltre a scrivere, è una cantante, musicista e giornalista, ed è stata la prima donna First Nation a diventare conduttrice di un telegiornale nazionale (CBC Newsworld).

Il PMC Aboriginal Literature Award premia ad anni alterni libri per bambini e libri per adulti e young adult. L’edizione di quest’anno era per adulti/young adult. Il libro vincitore dell’edizione 2016-2017, invece, è stato l’albo illustrato Spirit Bear, di Jennifer Harrington e Michael Arnott. Pubblicato da Eco Books 4 Kids, editore specializzato in libri che hanno per ambientazione il contesto naturale canadese, è la storia di un orso kermodei (detto anche spirit bear), una specie molto rara di orso bruno la cui particolarità è che spesso nasce con la pelliccia bianca.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart