Una storia di esilio e nostalgia: in una parola, Mostarghia

di Dora Vedova

Maya Ombasic nasce a Mostar, in Bosnia Erzegovina, nel 1979. A 12 anni fugge con la famiglia dalla guerra: Chiasso, Basilea, Ginevra sono le tappe di 7 anni vissuti da immigrati clandestini. Non sono più tornati nel loro paese: «ora in Canada ci sentiamo a casa, ma si rimane rifugiati per sempre»1.

La filosofia e la cultura ricevuta dal padre pittore le hanno salvato la vita, fornendole un’ancora di senso e quell’evasione che le ha permesso di prendere le distanze da una brusca deriva della vita. Lo studio della civiltà greca è stato anche un modo per relativizzare la condizione della sua famiglia, perché proprio il bacino del Mediterraneo è stato insieme culla di vita e teatro di tutti i conflitti.

Di questo parla il romanzo autobiografico Mostarghia, che l’autrice dedica al padre e che ha per lei il valore terapeutico di esorcizzarne la perdita. Morire di nostalgia per quella Jugoslavia perduta – crocevia di popoli, culture e religioni – significa incarnare appieno quello che Ombasic chiama l’anima slava: qualcosa di bello e difficile con cui convivere, di tragico e comico a un tempo, un groviglio di sentimenti opposti e laceranti che Ombasic, cinefila e regista essa stessa di corti e documentari, ritrova nei film di Kusturica.

Autrice di romanzi e poesie, insegna la filosofia continentale, cioè il pensiero recente di intellettuali europei come Derrida, pensatore oscuro per molti, ma non per lei:

«Il suo destino mi parla. Il francese, che non considerava la sua lingua madre, è diventato la sua sola lingua, ma mai la sua vera lingua. Mostra come ricostruirsi dai fantasmi dell’io che ci portiamo dietro e che ci sfuggono continuamente».

Nel suo caso la lingua madre è il serbo-croato, ma ha poi imparato il francese, l’inglese e lo spagnolo. Leggere Derrida l’ha aiutata a essere molteplice e a rendere la molteplicità un valore positivo. La scelta delle lingue e di vivere in Québec sono state la sua libertà. Quand’era in Svizzera passava la frontiera illegalmente per andare a Parigi a fare il giro dei musei. Era una sfida. Ma per avere accesso alla cultura, alla libertà, serve prima un riconoscimento civico: è così che l’esilio subìto diventa un’emigrazione scelta.

Riguardo all’Europa si dice pessimista:

«L’eurofobia diffusa e il ritorno dei nazionalismi mi inorridiscono. Ho imparato che quando si parla di “essenza” di un popolo si è già nell’esclusione. La situazione è degenerata esattamente così in ex Jugoslavia».

L’emigrazione di massa dei nostri giorni non può che ricordarle la sua storia. L’Europa e l’America non sono per forza il sogno di tutti:

«Se non fosse scoppiata la guerra nessuno di noi sarebbe partito, stavamo bene, eravamo felici. Allo stesso modo la maggior parte di questi migranti lasciano i loro paesi, i loro affetti, le loro cose, per forza. Chi se ne andrebbe in queste condizioni, se non fosse spinto dalla guerra o dalla necessità!? Lo sguardo che ho su di loro è esattamente lo stesso che avevo su di noi 25 anni fa. È l’eterno ritorno dell’uguale».

_____________________________
1Per le fonti dei virgolettati si veda quest’intervista e l’articolo dedicato sulla rivista letteraria Lire, n. 455, 2017.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart