Conakry, Capitale mondiale del libro 2017

di Dora Vedova

«Alcune capitali africane hanno la loro eccellenza culturale: Ouagadougou ha il cinema, Bamako la fotografia, Abidjan la musica, Dakar la modaConakry meritava di avere la sua, ed è intorno ai libri che stiamo costruendo il nostro progetto da dieci anni!»

Con queste parole di orgoglio Sansy Kaba Diakité, direttore della casa editrice L’Harmattan-Guinée e commissario dell’evento, spiega come Conakry – capitale della Guinea – abbia concorso per essere quest’anno la Capitale mondiale del libro. Non è stato certo per caso! Un’attenta giuria internazionale composta da associazioni di editori, biblioteche e librai studia i progetti meritevoli in base al coinvolgimento delle autorità nel settore del libro, alla quantità e qualità delle attività, alla partecipazione di autori, editori, librai e bibliotecari.

Dal 2001 ogni anno l’UNESCO assegna il titolo di Capitale mondiale del libro a una città, in riconoscimento dell’impegno per promuovere la diffusione del libro e incoraggiare la lettura. Fino a poco tempo fa il governo guineano non considerava l’accesso al libro come una priorità: il Ministero della Cultura è molto piccolo e non dispone di fondi, il libro è un prodotto raro e costoso, troppo poche le librerie e le biblioteche, gli editori insufficienti. In Occidente facciamo fatica a rendercene conto, ma in Africa l’analfabetismo è ancora molto diffuso (in Guinea è al 60%) e la scolarizzazione si ferma a livelli molto bassi, soprattutto per le bambine.

Ecco che la nomina di Conakry sconvolge lo status quo. L’impegno dell’équipe di Sansy Kaba Diakité ha dato i suoi frutti. La giuria ha scelto Conakry proprio «per l’attenzione al coinvolgimento delle comunità e per gli obiettivi di sviluppo che riguardano i giovani e l’alfabetizzazione».

Che la Capitale mondiale del libro sia una città africana è un evento con ripercussioni nel continente intero. È la prova che l’Africa francofona è considerata a livello internazionale. Una ventata di aria fresca per tutto ciò che i libri investono: l’infanzia, la scuola, l’identità, la cultura.

Per Aliou Sow (Editions Ganndal) è la spinta per difendere la letteratura nazionale, attirare la curiosità di editori stranieri, partecipare alle fiere “del Nord” come Bologna e Francoforte, iniziare collaborazioni e coedizioni panafricane e infine mostrare la diversità, il dinamismo e il valore dell’edizione nelle lingue africane.

A Conakry sono attesi 500.000 visitatori, 4.500 autori e un migliaio tra incontri, conferenze e dibattiti. L’evento non si ferma ai libri, ma parte dai libri per investire la cultura tutta.

Di fatto è già iniziata la creazione di mediateche in tutti i comuni della città e di punti lettura nei quartieri più isolati. Ma la vera sfida è portare le autorità a un’attenzione duratura per il mondo libro affinché sostengano la creazione di librerie e biblioteche in tutto il paese.

I libri, l’apprendimento e la lettura sono essenziali alla vita. Ora che lo sa, speriamo che la politica guineana continui a crederci.

Tagged under

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

code

Le nostre parole

Inevitabilmente con la matita in mano – Intervista a Canizales

Blog Le nostre parole 21 Nov 2017

Le storie di Harold Jiménez Canizales per la prima volta in Italia di Alessandra Testa (traduzione di Daniela Marchitto) Les Mots Libres edizioni Harold…

Editoriale | Le nostre parole

Blog Le nostre parole 28 Ott 2017

«L’unica cosa che vorrei insegnare è un modo di guardare, cioè di essere in mezzo al mondo. In fondo la…

Editoriale | Le parole degli altri

Blog Le nostre parole 28 Giu 2017

Si sa, ogni prima volta è dura. Questa è una nostra prima volta. Chi esser tu, Les Mots Libres edizioni? Prima il…

  • 1
  • 2
0

Your Cart